Archivi tag: Keynes

Recessione ed espansione.

“Ogni volta che qualcuno taglia la sua spesa, sia come individuo, sia come Consiglio Comunale o come Ministero, il mattino successivo sicuramente qualcuno troverà il suo reddito decurtato; e questa non è la fine della storia. Chi si sveglia scoprendo che il suo reddito è stato decurtato o di essere stato licenziato in conseguenza di quel particolare risparmio, è costretto a sua volta a tagliare la sua spesa, che lo voglia o meno.”

Una spirale perversa che prende il nome di manovra recessiva,efficacemente esemplificata  dalle parole di Keynes, attanaglia allo stato attuale il nostro paese. Scevri da qualunque considerazione politico-partitica occorre notare come alle misure di austerità non siano seguiti provvedimenti atti a stimolare la crescita. La deflagrazione della crisi è stata attutita principalmente dai prestiti concessi dalla BCE alle banche europee al tasso dell’1%. Costituzionalizzato il pareggio di bilancio, secondo l’ultimo Def del FMI questo non verrà raggiunto prima del 2017, e la previsione rischia persino di peccare di ottimismo dato che ,secondo quanto emerge dal G20 Cannes Summit Final Compliance Report, “l’Italia non ha rispettato il suo impegno all’adozione di un approccio differenziato fra consolidamento fiscale e stimolo alla crescita“. Forse una manovra espansiva una volta riorganizzato portata a compimento una riforma strutturale nazionale potrebbe rappresentare un’ alternativa? L’Europa, ligia ai rigore tedesco, ci preclude la possibilità di rispondere alla vexata quaestio.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Keynes, la Germania e la Grecia

“Ogni volta che qualcuno taglia la sua spesa, sia come  individuo, sia come Consiglio Comunale o come Ministero, il mattino successivo sicuramente qualcuno troverà il suo reddito decurtato; e questa non è la fine della storia. Chi si sveglia scoprendo che il suo reddito è stato decurtato o di essere stato licenziato in conseguenza di quel particolare risparmio, è costretto a sua volta a tagliare la sua spesa, che lo voglia o meno… Una volta che la caduta è iniziata, è difficilissimo fermarla”. Keynes Dixit.

Alla luce di quanto letto, occorre chiedersi se l’austerità imposta dalla Germania all’Europa  periferica e non solo, rappresenti un passo verso la luce in fondo al tunnel o una spinta verso il baratro del fallimento. Un invito alla riflessione, ognuno tragga le proprie conclusioni. Non omettiamo di rimembrare però, che l’austerity – di stampo teutonica – imposta alla Grecia, non ha portato fin qui i risultati sperati. In nottata, il default ellenico è stato rimandato solo grazie alla concessione di un ulteriore prestito di 130 miliardi di Euro da parte della Troika, che si aggiungono ai 110 miliardi concessi nel maggio del 2010 (poi divisi in varie tranches). Aiuti su aiuti per salvare un paese tecnicamente fallito o per assicurare ai tedeschi il rimborso della loro quota di debito greco?

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized